Audio Video Show 2015, a Varsavia

Audio Video ShowÈ cominciata oggi a Varsavia, e continuerà per altri due giorni, l’Audio Video Show, ovvero la seconda più grande esposizione in Europa di apparecchiature audio e video. Per chi ama l’alta fedeltà si tratta di un appuntamento immancabile, dato che una manifestazione del genere offre la possibilità di ascoltare il meglio in fatto di riproduzione sonora (e video), con apparecchiature estremamente costose che possono offrire esperienze di ascolto facilmente confondibili con quelle dal vivo. Io farò un giro perlustrativo tra i vari espositori, e nei prossimi giorni vi terrò aggiornati su ciò che maggiormente catturerà la mia attenzione. Continuate a seguire questo blog per saperne di più.

read more

0

I Rolling Stones in versione marionetta

Passeggiando in una grande città come Varsavia capita spesso di imbattersi in artisti di strada. Come ho già scritto in un precedente articolo amo molto questo tipo di esibizioni, anche perché spesso gli artisti sono davvero molto bravi.

Questa volta ho incrociato due eccellenti marionettiste che davano vita ad uno spettacolo dei Rolling Stones in versione marionetta. Un vero e proprio mini concerto, insomma, nel senso letterale. Ciò che mi ha stupito, a parte la somiglianza delle marionette con i musicisti, è la perfetta sincronia tra i movimenti e la musica: la marionetta di Mick Jagger avvicina il microfono alla bocca solo quando canta, e ha le stesse movenze dell’originale. Similmente, quella di Keith Richards suona la chitarra con un ritmo perfetto, così come gli altri due Stones.

read more

2

Come organizzare spettacoli senza finanziamenti pubblici? Intervista a Luciano Vanni.

È possibile fare spettacolo rinunciando completamente ai finanziamenti pubblici? A questa domanda ha cercato di dare risposta Luciano Vanni, editore e direttore di JazzIt, in due incontri pubblici tenuti alla Casa Cava di Matera il 13 e il 14 novembre, organizzati dall’Onyx Jazz Club. Ascoltiamo direttamente da Luciano Vanni in che modo è possibile un nuovo welfare della cultura.

Ieri hai parlato del danno che i contributi pubblici hanno fatto alla cultura introducendo il concetto di infarto culturale. Cosa intendi esattamente con questo termine?

read more

0

La musica a Matera si suona al freddo. L’appello del M° Vizziello.

Il problema della mancanza di spazi adeguati per la musica è molto diffuso in Italia, e purtroppo Matera non fa eccezione. Nonostante la città sia stata designata Capitale Europea della Cultura per il 2019, gli spazi esistenti per la musica e la cultura giacciono in uno stato di incuria che non fa onore al prestigioso titolo recentemente conquistato.

Il M° Saverio Vizziello, direttore del conservatorio di Matera in prorogatio (prima del passaggio del testimone al M° Piero Romano), ha scritto recentemente una lettera aperta in cui denuncia la mancanza di riscaldamento all’Auditorium Comunale Roberto Gervasio. Il problema, già sollevato in altre occasioni, continua a rimanere inascoltato dall’amministrazione comunale, ma è la situazione generale della città a destare preoccupazione, visto che tutti gli spazi che possono essere dedicati alla musica e alla cultura hanno problemi simili.

read more

0

20 canzoni sull’autunno.

autunno

Per chi si fosse illuso che le recenti giornate di sole potessero durare ancora, la pioggia incessante di questi giorni è arrivata a ricordarci che invece siamo in pieno autunno. Mettete dunque da parte quella maglietta leggera che avete usato fino a pochi giorni fa, e copritevi: questo è il tempo delle foglie gialle e delle castagne! Per entrare meglio nello spirito di questi giorni, ecco dunque una raccolta di canzoni autunnali, sia italiane che internazionali. Ad accomunare queste canzoni è lo spirito malinconico, ma nonostante ciò questa lista contiene alcuni autentici capolavori, soprattutto nella sezione internazionale. Per entrare nell’atmosfera giusta potete ascoltare queste canzoni sorseggiando una cioccolata calda, magari davanti ad camino scoppiettante, se avete la fortuna di averne uno.

read more

0

Intervista a Paolo Fresu (Medimex 2014)

Anche quest’anno si è tenuto a Bari il Medimex, la fiera dell’innovazione musicale che dal 30 ottobre al 1° novembre ha premesso agli operatori del settore musicale di incontrarsi tra stand, presentazioni di novità discografiche, showcase e dibattiti su argomenti musicali.

All’interno di questa fiera si è svolto il 30 ottobre un incontro sul tema Festival di jazz, turismo, sostenibilità ambientale, a cui ha partecipato, tra gli altri invitati, anche Paolo Fresu. Alla fine del dibattito ho avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchiere con lui su quanto detto a proposito di questo tema, e quella che segue è l’intervista che ne è scaturita.

read more

0

Come cambiare la nazionalità di un account Spotify.

È successo di nuovo. Per l’ennesima volta ho sbaraccato tutto, e dopo quasi tre anni trascorsi a Varsavia sono ritornato a vivere nel mio bel paesello in Basilicata, a Pomarico. Ciò significa che d’ora in poi su questo blog scriverò soprattutto di musica italiana, e di ciò che di musicale succede nei miei dintorni. Una volta arrivato in Italia, però, mi sono imbattuto in un piccolo problema con il servizio di musica in streaming che preferisco, ovvero Spotify.

Sapevate che con un account gratuito di Spotify si può ascoltare musica quando si è all’estero solo per un periodo di 14 giorni? No? Beh, non lo sapevo nemmeno io. Se si va all’estero per più di 14 giorni e si vuole ascoltare musica con Spotify bisogna iscriversi al servizio a pagamento. Nel mio caso, vivendo in Polonia, mi ero iscritto a Spotify segnalando la Polonia come nazione in cui vivevo. Tornato in Italia, dopo 14 giorni mi sono dunque ritrovato con il mio account bloccato. Praticamente, l’Italia risultava essere il paese “estero” rispetto alla Polonia, ed io non potevo più ascoltare musica con Spotify.

read more

5

Blog di musica e giornalismo musicale italiano (2): intervista a Roberto Mastrosimone di Wanderer’s Blog.

Dopo l’intervista a Bruno Conti di Discoclub, prosegue la serie di interviste a blogger e giornalisti musicali che scrivono su un proprio blog. Le domande sono sempre le stesse, per mettere in evidenza sia punti in comune che i punti di vista diversi sugli stessi argomenti. Oggi è il turno di Roberto Mastrosimone, che sul suo blog Wanderer’s Blog si occupa di musica classica.

Quando hai pubblicato il primo post sul tuo blog, e perché hai deciso di aprirne uno?

«Nel novembre 2008. Fu più che altro un tentativo, una prova. Finora è andata bene, almeno credo…».

read more

0

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Questo blog musicale fa parte del network paroledimusica.com

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer

Vai alla barra degli strumenti