Mp3 alla ribalta

Ieri, nel corso di una conversazione telefonica con un’amica, mi è capitato di dire che nel pomeriggio sarei passato dal negozio di dischi per fare un po’ di acquisti musicali. Per tutta risposta mi sono sentito dire: “Ah, non scarichi musica da internet?”.
Oltre a ciò, noto che molti colleghi vengono al lavoro ascoltando musica con un lettore mp3, e che anche in quel caso quando me ne esco con una frase del tipo: “ho appena COMPRATO l’ultimo compact disc di…” mi guardano tutti con un’aria piuttosto meravigliata.
A volte mi sento come un dinosauro in via di estinzione, un po’ seccato per come vanno le cose del mondo (l’estinzione è una cosa un po’ seccante, in effetti…). Del resto c’è poco da fare, le vendite dei cd calano, e il “consumo” (parola non usata a caso) della musica su internet spopola.
Però, voi che scaricate in poche ore intere discografie e avete gli hard disc strapieni di musica ancora da sentire, conoscete il piacere di un ascolto attento?

3 pensieri su “Mp3 alla ribalta

  1. Giulio

    Parole sante, è vero che “l’ascolto” oggi forse è un pò diverso, raramente vedo qualcuno che ascolta musica con attenzione e sta zitto fino alla fine del brano per poi commentarlo, anche con un semplice ‘ma che schifo’; straripare musica dagli hd, averne tanta senza averla mai ascoltata è triste, pensa, una grande libreria in casa piena di volumi mai sfogliati; però se i cd costassero qualcosa in meno, penso che molti (quelli che si scaricano giusto il brano che vogliono ascoltare, e lo ascoltano) acquisterebbero con piacere, avere anche la solida custodia con la grafica propria dell’album è molto gratificante, soprattutto quegli album che ti accompagnano per la vita!
    Oppure ci si sta estinguendo !! Che dire, l’estinzione è sempre parte di madre natura no ?!

  2. Filippo

    Qui in Polonia i cd degli artisti nazionali costano l’equivalente di 10 euro (a volte anche meno), e in questo modo sto scoprendo un mucchio di artisti interessanti! La soluzione al problema del caro cd, dunque, appare semplice ed evidente: trasferirsi tutti in Polonia! 😀

Rispondi