I Police tornano insieme

La riunione dei Police è ufficiale: l’11 febbraio suoneranno di nuovo insieme, aprendo a Los Angeles la 49° edizione dei Grammy Awards. A renderlo noto è la Recording Academy, organizzatrice della manifestazione. Il gruppo aveva annunciato il suo scioglimento alla fine del concerto tenuto a Melbourne il 3 gennaio 1984 e da allora si è riunito solo in due occasioni: per il matrimonio di Sting nel 1992 e per la consacrazione nella “Rock and Roll Hall of Fame” il 10 marzo 2003. Il ritorno sulle scene di Sting, del chitarrista Andy Summers e del batterista Stewart Copeland potrebbe precedere una serie di concerti che si terranno nel Regno Unito a maggio e giugno, a cui si accompagnerebbe eventualmente la pubblicazione di un album con materiale d’epoca inedito o raro. “Abbiamo iniziato a suonare 30 anni fa,” afferma Sting, “sarebbe molto carino organizzare qualcosa per celebrare questo momento; ancora non sappiamo cosa ma ne stiamo parlando. Sono molto fiero della band che avevamo. Li ho lasciati perché volevo crescere come musicista, maturare e provare cose che in una band è difficile fare perché sei limitato. Ho passato gli ultimi 25 anni esplorando questa libertà divertendomi tantissimo”.

5 Responses to I Police tornano insieme

  1. Pietro 1 febbraio 2007 at 13:37 #

    Non so se esprimere felicità o dissenso per questa (l’ennesima) unificazione.

    Da una parte c’è il: „W i Police!!!“, dall’altra: „…ma di nuovo?!?!?“

    Tutti quessti cantanti, guppi, band, gang bang che tornano alla ribalta dopo anni di inefficenza mentale e ibernazione culturale, mi lasciano un po’ confuso, perplesso, indeciso…
    Certo è che i Police sono sempre i Police e paragonarli ad Adriano Pappalardo non mi sembra proprio il massimo della correttezza. Rimane, però sempre, il dubbio su quello che potranno riservarci dal punto di vista artistico; francamente di musica commerciale, spazzatura e remake ne abbiamo piene le ovaie! Lasciamo spazio alle nuove leve, alla musica che per sollevarsi e farsi notare ha bisogno di farsi in quattro per riuscire a vedere la luce con un album magari strabiliante, ma che il popolo benpensante e muuuante non gradisce per il fatto di dover mettere in gioco alcune funzioni cerebrali primarie che fa tanto comodo non utilizzare di continuo.
    Non parlo solo di Bossa Nova, Jazz e New Age, ma anche di nuove musiche frutto di ricerche profonde attraverso suoni e vibrazioni. Recentemente sto volgendo la mia attenzione verso la musica elettronica, ma quella vera! È meraviglioso scoprire come una musica può provocare superlativi sentimenti riproducendo i più semplici beats della madre terra e del corpo umano.

    C’è molto, molto di più da poter ascoltare e far diventare importante, apriamo la mente, e anche se i Police sono stati die maestri non è detto che lo siano, per partito preso, ancora. Non vomitiamoci fuori di casa a dare soldi a chi:
    1) non ne ha bisogno
    2) potrebbe molto facilmente prendere in giro la nostra intelligenza

    C’è molto, molto di più da vivere e ascoltare!

    Pietro Faccio.

  2. Filippo 2 febbraio 2007 at 02:56 #

    Ciao Pietro, sono d’accordo con te sul fatto che spesso operazioni del genere non abbiano più molto da dare, da un punto di vista artistico (tant’è che non pare ci siano brani nuovi in cantiere). Per il sottoscritto rimane comunque l’entusiasmo per un gruppo che non ho mai avuto la possibilità di vedere dal vivo e dunque sarei ben contento se si creasse questa occasione. Personalmente, le orecchie sono sempre puntate verso suoni nuovi ma, ogni tanto, amano anche cullarsi sul già noto. Se poi si tratta di Sting & C., ben venga!

  3. Pietro 4 febbraio 2007 at 01:26 #

    Vabbè, passi!

  4. Manu 20 febbraio 2007 at 20:24 #

    Ciao filippo, sono manu (francoforte).
    Come stai?
    Passavo di qui e volevo farti un salutino avulso dal dibattito sui police sì/police no.
    Torna a trovarci!!!!

  5. Filippo 20 febbraio 2007 at 20:31 #

    Ciao Manu! Grazie per il saluto, che ricambio subito (visto che tempismo?)…
    A Francoforte tornerò molto presto, aspettati novità da un momento all’altro!
    Ciao!

Rispondi

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Questo blog musicale fa parte del network paroledimusica.com

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer

Vai alla barra degli strumenti