Blog di musica e giornalismo musicale italiano (2): intervista a Roberto Mastrosimone di Wanderer’s Blog.

Dopo l’intervista a Bruno Conti di Discoclub, prosegue la serie di interviste a blogger e giornalisti musicali che scrivono su un proprio blog. Le domande sono sempre le stesse, per mettere in evidenza sia punti in comune che i punti di vista diversi sugli stessi argomenti. Oggi è il turno di Roberto Mastrosimone, che sul suo blog Wanderer’s Blog si occupa di musica classica.

Quando hai pubblicato il primo post sul tuo blog, e perché hai deciso di aprirne uno?

«Nel novembre 2008. Fu più che altro un tentativo, una prova. Finora è andata bene, almeno credo…».

Qual è la tua linea editoriale, e di cosa ti occupi esattamente?

«Non c’è una precisa e definita linea editoriale, essendo io solo l’unico redattore del blog. Evito di “personalizzare” troppo i post e cerco di rivolgermi a un numero vasto di lettori. Evito anche di inserire riferimenti al mondo della politica, finché mi è possibile».

Come immagini il lettore tipo del tuo blog?

«Un appassionato di musica classica che segua la musica attraverso i media e i concerti dal vivo».

In che modo scegli gli argomenti di cui scrivi?

«Negli ultimi tempi do molto spazio alla musica in tv. Credo molto nei media».

Quali sono stati i tuoi post di maggior successo?

«Quelli dedicati ai Neujahrskonzerte e alle prime della Scala».

Con che frequenza pubblichi? Hai dei collaboratori (sia regolari che occasionali) oppure fai tutto da solo?

«Nessun collaboratore. Frequenza plurisettimanale».

Riesci a guadagnare qualcosa? Ti interessano le tecniche di marketing/SEO, oppure ti concentri solo sui contenuti?

«Nessun guadagno. Lo faccio esclusivamente per hobby».

Frank Zappa diceva che scrivere di musica è come ballare di architettura. Che ne pensi? È davvero una cosa così folle? Se sì, perché lo fai?

«Frank Zappa è famoso per le sue boutade, un po’ come Stravinskij. Non bisogna prenderli troppo sul serio».

Con la possibilità che chiunque oggi ha di ascoltare musica a portata di clic, che ruolo spetta a chi scrive di musica?

«Non saprei».

Come vedi il panorama dei blog musicali italiani? Ne hai alcuni tra i preferiti?

«Non mi pare che siano molti, soprattutto nrella musica cosiddetta classica. Seguo i blog segnalati nel Blogroll».

No comments yet.

Rispondi

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Questo blog musicale fa parte del network paroledimusica.com

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer

Vai alla barra degli strumenti