Archive | novembre, 2005

Lingua portoghese

Pensando che la lingua portoghese potesse essere in qualche modo simile all’italiano, ho avuto una ferma smentita nel momento in cui mi sono accorto che delle conversazioni con gli “indigeni” riesco a capire solo una minima parte senza ricorrere a strani segni o all’inglese (che per fortuna mi salva). Alla fine, comunque, ci si capisce, ma e’ molto meno agevole di come pensavo. Dopo l’incontro preliminare di ieri con l’insegnante di portoghese (olá Ondina) oggi c’è stata la prima lezione effettiva, con libro ed esercizi da svolgere. Tutto ciò è molto rassicurante, e l’approccio con la lingua è assai meno timoroso. Non c’è niente da fare: con una guida si cammina meglio.

read more

0

Eccomi qui

Un viaggio lungo 24 ore, con diversi cambi di treno a fronte di sole tre ore di aereo, mi ha un po’ strapazzato, ma alla fine sono giunto a destinazione. Nel piccolo comune di Águeda (pronuncia: Ágda), trascorrerò i prossimi mesi grazie ad un Progetto Leonardo finanziato dalla Comunità Europea. L’associazione culturale D’Orfeu mi ospita per coinvolgermi nell’organizzazione di spettacoli musicali, teatrali, ed altre attività di forte impatto sociale. Mi sento veramente fortunato nel poter partecipare ad un progetto del genere, che mi darà la possibilità, tra le altre cose, di imparare anche la lingua portoghese. Ci riuscirò? Vedremo…

read more

0

Si parte

Anche stavolta sono in ritardo. Tra poche ore comincerò il mio viaggio verso il Portogallo, dove rimarrò per quattro mesi, ed io sono in ritardo. Il buon senso, del resto, suggerirebbe di sistemare tutte le ultime cose prima di partire, controllare di non essersi scordato nulla e fare ancora un saluto ad amici e parenti. Io invece sono di fronte al computer, a scrivere il primo messaggio di un blog, mentre la valigia giace ancora inerme, nella speranza che prima o poi io le dedichi qualche attenzione. Forse stavolta sto esagerando, infatti mi tratterrò ancora qui solo per poche altre righe… giusto il tempo di spiegare perchè sono qui davanti al monitor. In queste sedici settimane di permanenza all’estero terrò un diario on line per mantenere un contatto con gli amici rimasti in Italia, per raccontare la mia esperienza a chi sta pensando di partire ma non parte mai e, diciamolo, per un puro sfogo da grafomane. Spero che ciò possa interessare a qualcuno. Ma ora devo proprio scappare…

read more

0

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes

Questo blog musicale fa parte del network paroledimusica.com

Featuring WPMU Bloglist Widget by YD WordPress Developer

Vai alla barra degli strumenti